Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 1

Teatro Summarte

Francesco Procopio: Una Canonica Per Due

5 mag 2023, 21:00

Prezzo di listino €22,00
Prezzo di listino Prezzo di vendita €22,00
Vendita Esaurito

Venerdì 5 Maggio 2023 al Teatro Summarte: Francesco Procopio in "Una Canonica Per Due"

L'acquisto è gestito da Dice, il nostro partner di vendita

Info spettacolo

Lo spettacolo dura circa 2 ore.

È consigliato arrivare in ancitipo.

All'interno del Teatro sarà aperto il bar.

Il Teatro non è dotato di parcheggio interno.

Come raggiungerci

Ci troviamo a Via Roma n 15, al centro di Somma Vesuviana.

In auto: uscita 268 più vicina "Somma Vesuviana", uscita ex162 più vicina "Pomigliano D'Arco". Avvia il navigatore.

In treno: Circumvesuviana linea per Sarno, fermata "Somma Vesuviana", dall'uscita procedere dritto fino all'incrocio, girare a destra e procedere dritto, troverete il Teatro alla vostra destra.

Non abbiamo un parcheggio interno ma è possibile parchegiare nei pressi del Teatro, a pochi metri è disponibile un parcheggio nei pressi della posta.

  • Venerdì 5 Maggio 2023 al Teatro Summarte: Francesco Procopio in "Una Canonica Per Due"

    La figura del prete è sempre stata vista come una persona seriosa, ligia alle regole ecclesiastiche, profondamente immersa nella preghiera, severa e con dogmi precisi e rispettabilissimi; e forse nella maggior parte dei casi è cosi... ma la storia di questi due preti, Don Ezio e Don Sabatino, abbatte un po' le barriere dei luoghi comuni per immergersi totalmente in un nuovo modo di affrontare la vita quotidiana ecclesiastica. Due preti vengono "spediti" in un paesino dell'Italia meridionale, precisamente nella provincia di Napoli, per rimettere SU una chiesa totalmente abbandonata, semi distrutta, La chiesa è occupata da un personaggio del posto che oramai l'ha resa una vera e propria abitazione, nostri protagonisti si troveranno ad affrontare varie problematiche e cercheranno di risolvere (a modo loro! trasformando la canzone liturgica "tu sei la mia vita" in "tu si a vita mia" neomelodica) conquistandosi la fiducia della gente del posto Uno spettacolo divertentissimo e pieno di colpi di scena che affronta temi difficili come delinquenza abbandono e malavita organizzata con una leggerezza e una comicità tipica oramai della drammaturgia di Antonio Grosso Si ride, si ride, si ride con intelligenza e soprattutto con riflessione!

1 su 6