Elisabetta Serio feat. Sarah Jane Morris | Jazz & baccalà

//Elisabetta Serio feat. Sarah Jane Morris | Jazz & baccalà
Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

PREZZI
Poltrona: 23,00 €
Tavolo: 28,00 €

ACQUISTA ONLINE

La personalità artistica di Elisabetta Serio prende spunto dalla vita nella sua complessa semplicità. Ciò che rende affascinante il suo percorso è guardare e ascoltare con lo stupore di un bambino, prendendo spunto da ogni forma e genere musicale.
In fondo la musica non può essere settoriale, chiusa e limitata ad un solo genere ma è musica in ogni situazione, almeno prova ad esserlo.
Prova ad arrivare al pubblico, che ne è il maggior fruitore, non solo un testimone del proprio ego. L’artista crea empatia, si immedesima, cerca di esprimere un sentimento comune, non badando spesso alla forma, alla dialettica, ma alla sostanza, ad un’idea semplice e diretta.

“It’s impossible to rehearse the unknown” cita Herbie Hancock, cioè, è impossibile provare ciò che è sconosciuto.
Le prove di un live, sono un canovaccio, una direzione della forma, ma ciò che si suonerà in quel momento, in quella situazione, con quel pubblico, è unico ed irripetibile.

La sua formazione è classica e moderna. Studia musica classica al conservatorio, si laurea in jazz e studia con il Mo. Valerio Silvestro. Segue seminari con Barry Harris.

La sua formazione musicale in senso stretto è “per strada”. Diventare, sentirsi musicisti è uno stato vitale. E’ amore e sacrificio, rispetto alle comuni forme di vita. E’ una filosofia, uno stile di vita che nessuno ti certifica e nessuno tutela. Si è da soli per la maggior parte del tempo, concentrati sull’ascolto che si cerca di trasformare in suono.
Le collaborazioni raccontano questo suono: mediterraneo con Pino Daniele (con cui ha collaborato negli dal 2012 al 2015) con il neapolitan power (da James Senese, Tullio De PIscopo, Rino Zurzolo, Enzo Gragnianello); funky, blues con la cantante inglese Z Star, world music con Sarah Jane Morris. E tanti suoni ancora!
Ha viaggiato molto intorno al mondo per concerti. Più volte in Russia, Inghilterra, Francia, Germania, America, Trinidad e Tobago, Turchia, ecc, prendendo parte a numerosi Jazz Festival come Usadba Jazz Festival, Toronto Jazz Festival, San Francisco Jazz Festival, fino al nostrano Umbria Jazz.

La personalità musicale di Elisabetta forma una dicotomia. Oltre ad essere un improvvisatore, conserva la sorpresa e la meraviglia che può verificarsi da una idea musicale spontanea che si esprime direttamente , in tempo reale. Ma ha anche una profonda fascinazione per l’architettura formale della musica.
Ciascun brano ha un arco narrativo, sia che si esprime in un inizio, una fine , o qualcosa lasciata intenzionalmente indeterminata . I due lati della personalità di Elisabetta –nell’improvvisazione e nella forma-, creano l’effetto di qualcosa di simile al caos controllato .

I progetti di Elisabetta sono molteplici. Dal trio con il batterista Leonardo De Lorenzo e il contrabbassista Marco de Tilla, fedeli compagni di viaggio. Con il trombettista Fulvio Sigurta, un virtuoso dello strumento. Con la stessa Sarah Jane Morris, spesso ospite del quartetto.
Inoltre vanta la partecipazione a molti dischi come turnista.

L’incontro con Sarah Jane Morris è avvenuto al Barbican centre di Londra in occasione del concerto di Pino Daniele. La Morris era in platea e dopo la gig si è recata nei camerini per complimentarsi con Elisabetta. Da lì è nato dapprima un rapporto umano fatto di scambi musicali e non solo che sono confluiti in una naturale collaborazione tutta al femminile.
La voce della Morris si sposa perfettamente con la sonorità dell’ormai consolidato trio della Serio. Insieme esplorano le proprie composizioni che sono di natura blues, jazz, funky.
La Morris ha registrato nel disco 16 della Serio (edito Via Veneto Jazz 2017) il brano Afrika che spesso propongono nei live e che il pubblico ormai riconosce e canta.
Ripropongono una versione di Alleria del compianto Pino con cui anche la Morris ha collaborato in passato. Il repertorio quindi alterna momenti strumentali impreziositi dal sax tenore del salernitano Jerry Popolo a delle canzoni anche della Morris stessa riarrangiati dal quartetto.
E’ una vera esplosione di gioia sul palco e la collaborazione funziona e arriva dritta al cuore del pubblico!
Sarah Jane Morris è una delle voci più interessanti del panorama musicale internazionale, la cui vocalità è davvero rara ed intrigante.